Logo Venezia Catalunya 2009
Logo Institut Ramon LLull - Venezia

Stampa

Cerca in Stampa:


Logo Biennale Venezia
l'Accademia di Belle Arti di VeneziaMostra organitzata in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Venezia
Imprimir

 ATTUALITÀ

Venezia : 04-11-2009

Le città inconfessabili. Dalla Catalogna all’Europa, passando per l’America


A chiusura della prima partecipazione della Catalogna alla 53. Biennale  d'Arte di Venezia con il progetto Venezia, Catalunya. 2009. La Comunità  Inconfessabile e a ribadire l'enorme successo della mostra, visitata da oltre 37.400 persone, che fino al 22 novembre si può ancora  vedere ai Magazzini del Sale, è stata organizzata dall'Institut Ramon Llull e  dall'Università “Ca’ Foscari” di Venezia la giornata veneziana Le città  inconfessabili. Dalla Catalogna all’Europa, passando per l’America che si svolgerà, a partire dalle ore 9 del 4 novembre 2009 presso l’Auditorium Santa Margherita del capoluogo lagunare. 

jornadavenecia.jpg
Zoom

Seguendo la volontà del coordinatore, Patrizio Rigobon dell’Università “Ca’ Foscari”, essa ha naturalmente contratto un doppio debito con La  Comunitat Inconfessable, tema del padiglione catalano: l’idea che la città  storica e contemporanea siano modi d’essere comunitari e  l’inconfessabilità come ciò “che non si confessa oppure che è tale da non ammettere confessioni che la rivelino”, stando alla domanda che lo stesso  Blanchot si pone alla fine del testo che ne è  la suggestione, "La comunità inconfessabile" appunto.

L’obiettivo della giornata è di verificare se questa  impostazione abbia oggi un significato nella  costruzione della città contemporanea (e per questo è stato  invitato un  noto architetto e urbanista) e capire quale comunità rappresentino le  città degli scrittori. Sono davvero “inconfessabili”? La questione non  riguarda solo la Catalogna, ma è a partire dalla Catalogna che abbiamo  posto il problema. Tra i  relatori invitati a interrogarsi su questi temi, dopo i saluti del  Magnifico Rettore dell’Università “Ca’ Foscari”, Carlo Carraro, del  Direttore del Dipartimento di Americanistica, Iberistica e Slavistica,  Marco Presotto, del Direttore dell’Institut Ramon Llull, Josep Bargalló  Valls e del Sindaco di Venezia Massimo Cacciari,  figurano Vittorio Gregotti, Mercè Rius, Joana Masó, Silvia Burini, Vincenzo Arsillo, Simona  Škrabec, Patrizio Rigobon, Rosella Mamoli Zorzi, Francesca Bisutti e Paola Mildonian. I partecipanti tratteranno, ciascuno dal proprio punto  di vista e da quello del proprio mondo d’elezione, una o più “città  inconfessabili”, dall’antichità classica alle metropoli contemporanee,  toccando anche le comunità “confessabili” del pensiero utopico ed i luoghi  assurti a dignità letteraria.

A partire dunque da una specifica comunità  si parlerà dell’imprescindibile contesto europeo e americano, delle  collettività incarnate dagli autori oggetto di studio.

La·Comunità¬
Inconfessabile

Un progetto di¬
Valentín Roma con:

Joan Vila-Puig¬
e Elvira Pujol/Sitesize¬

Daniel G. Andújar¬
/ Technologies To The¬
People

Pedro G. Romero¬
/ Archivo F.X.

La comunitat inconfessable

A partire dal libro omonimo di Maurice Blanchot, La Comunità Inconfessabile rappresenta una proposta che analizza le forme di intervento sociale adottate da alcune tendenze artistiche che si sviluppano attorno al concetto di tutto ciò che è comune.

Sono stati selezionati tre progetti diversi che saranno parte integrante di questa proposta: Sitesize/Joan Vila-Puig e Elvira Pujol, Technologies To The People/Daniel G. Andújar e Arxiu F.X./Pedro G. Romero; tutti e tre i progetti partecipano alle comuni strategie di trasversalità e antagonismo, in un territorio difficilmente definibile, situato tra le crepe sia dell’istituzione dell’arte, sia dei modelli di produttività culturale.

Valentín Roma

Sponsorship: Vueling Gas Natural La Caixa Grup Agbar

[© Institut Ramon Llull 2008. Tutti i diritti riservati] [info@llull.cat] Carrer Diputació, 279 baixos, 08007. Barcellona. Tel. +34 934 67 80 00. Fax +34 934 67 80 06 // Protectora 10, local 11, 07012. Palma Tel: +34 971 72 96 67. Fax. +34 971 72 57 53 // http://www.llull.cat